Share on LinkedInShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

In data 20 giugno 2016 è stato siglato un protocollo d’intesa tra il Ministero dell’Interno e Confindustria al fine di semplificare le procedure di rilascio della blue card.

Come sappiamo la blue card è valida nell’Unione Europea per i lavoratori stranieri altamente qualificati provenienti da paesi extra UE.

Lo scopo del protocollo sulla blue card è quello di ridurre i tempi per consentire l’accesso sul territorio italiano ai lavoratori stranieri altamente qualificati (si veda Testo Unico Immigrazione, D. Lgs. 286/1998, art. 27-quater).

Ad oggi i tempi e le procedure per ottenere la blue card sono infatti molto rigide e lunghe, l’intento è di snellire le procedure degli sportelli unici per l’immigrazione.

Con l’adesione al protocollo blue card, la Società aderente, impegnandosi al rispetto delle condizioni richieste dal protocollo stesso, avrà la possibilità di aggirare la lunga procedura che prevede il rilascio del nullaosta.

Potrà inviare direttamente la comunicazione di proposta di contratto di soggiorno allo sportello unico per l’immigrazione per poter far entrare nel nostro paese il personale altamente qualificato di proprio interesse.

Il Ministero, si legge nel protocollo, permetterà alle imprese associate a Confindustria l’accesso diretto al sistema informatico unico per inoltrare la proposta di contratto per lavoro subordinato: le imprese dovranno ovviamente rispettare il CCNL di riferimento, garantire il possesso di un titolo di studio e la propria capacità economica nel sostenere i costi relativi all’assunzione.

L’intesa segue la scia degli obiettivi fissati dalla Commissione Europea sul tema delle politiche migratorie.

La Commissione intende infatti operare una sistemica riforma della Carta Blu al fine di introdurre un quadro regolamentare più chiaro e accessibile, migliorando la flessibilità del mercato del lavoro europeo.

logo_Donati_R