Share on LinkedInShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

Con il messaggio 2152 del 25/05/2017 l’INPS comunica che, in base delle informazioni fornite dall’Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro (ANPAL), ha provveduto a riesaminare le istanze per gli incentivi occupazione SUD. Le istanze riesaminate avevano ricevuto esito negativo a causa del mancato riscontro della dichiarazione di immediata disponibilità  al lavoro (DID) correlata al lavoratore.

Con la circolare n. 41 del 01/03/17, l’INPS, forniva le indicazioni per l’applicazione degli incentivi occupazione SUD previsti dall’articolo 19 del d.lgs. n. 150/2015 effettuate in Regioni “meno sviluppate” o “in transizione”, previsto dal D.D. n.367 del 16 novembre 2016 e successive rettifiche del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Come illustrato nella suddetta circolare, gli incentivi occupazione SUD spettano per le assunzioni di “soggetti privi di impiego che dichiarano, in forma telematica, al sistema informativo unitario delle politiche del lavoro di cui all’articolo 13 del d.lgs. n. 150/2015 la propria immediata disponibilità  allo svolgimento di attività  lavorativa e alla partecipazione alle misure di politica attiva del lavoro concordate con il centro per l’impiego”.

Per il riconoscimento degli incentivi occupazione SUD, l’INPS:

  • Consulta gli archivi informatici dell’ANPAL, al fine di conoscere se il soggetto per cui si chiede l’incentivo sia disoccupato;
  • calcola l’importo dell’incentivo spettante;
  • verifica la disponibilità  residua della risorsa;
  • informa, esclusivamente in modalità  telematica mediante comunicazione all’interno del medesimo modulo di istanza, che è stato prenotato in favore del datore di lavoro l’importo dell’incentivo per l’assunzione del lavoratore indicato nell’istanza preliminare.

Tuttavia a seguito dell’elaborazione delle istanze pervenute, sono stati riscontrati ritardi nell’aggiornamento degli archivi ANPAL concernenti lo stato di disoccupazione del lavoratore. Proprio questi ritardi hanno determinato il rigetto di istanze di assunzioni che invece si presentavano conformi ai requisiti di legge. Pertanto, l’INPS, in accordo con l’ANPAL, aveva interrotto il processo di elaborazione delle richieste di agevolazione.

Le domande per le quali, a seguito dell’aggiornamento della banca dell’ANPAL, risulta una DID valida, sono state rielaborate e risultano ora nello stato “accolta”.

In proposito, a seguito dell’accoglimento delle istanze, il datore di lavoro per accedere agli incentivi occupazione SUD dovrà:

– Entro sette giorni di calendario dall’accoglimento della richiesta, se ancora non lo ha fatto, effettuare l’assunzione.

– Entro dieci giorni di calendario dall’esito positivo della richiesta avrà  l’onere di comunicare, a pena di decadenza, l’avvenuta assunzione, chiedendo la conferma della prenotazione effettuata in suo favore. La scadenza del suddetto termine per la presentazione della domanda definitiva di ammissione al beneficio determinerà  l’inefficacia della precedente prenotazione delle somme. Tuttavia sarà  possibile, per il datore di lavoro, presentare una nuova domanda.

L’INPS chiarisce che, nelle ipotesi in cui dall’ulteriore consultazione della banca dati gestita dall’ANPAL, per il lavoratore non risulti presente una DID validamente rilasciata, l’Istituto, provvederà ad accantonare le risorse finalizzate all’eventuale finanziamento del rapporto di lavoro e a sospendere la lavorazione della singola richiesta, consultando costantemente la banca dati ANPAL in attesa del relativo aggiornamento.

Contemporaneamente alla rielaborazione delle istanze precedentemente rigettate, l’INPS riprenderà l’elaborazione delle nuove richieste.

L’agevolazione, definitivamente accolta con il modulo di conferma, potrà essere fruita mediante operazioni di conguaglio/compensazione sulle denunce contributive.

In riferimento all’importo dell’incentivo relativo ai mesi arretrati, si precisa che i codici di recupero “L463″ ed “L465″ potranno essere utilizzati per i mesi di competenza Gennaio, Febbraio, Marzo e Aprile 2017 nei flussi UniEmens di competenza dei mesi di Maggio e Giugno 2017.